IT:Dichiarazione (Nova Roma)

From NovaRoma
Revision as of 21:35, 18 January 2010 by Gaius Cocceius Spinula (Talk | contribs)
(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to: navigation, search

 Home| Latíné | Deutsch | Esperanto | Español | Français | Italiano | Magyar | Português | Română | Русский | English

Noi, il Senato ed il Popolo Nuovo Romano, al fine di restaurare le fondamenta della civiltà occidentale, dichiariamo la fondazione di Nova Roma come Stato sovrano. Manifestiamo Nova Roma come una nazione indipendente nel mondo e come repubblica, con una propria costituzione, un proprio legittimo governo, e con tutti i diritti e le responsabilità implicite nello status di nazione.

Come Stato sovrano, Nova Roma dichiara i punti seguenti riguardo a vari territori e diritti internazionali:

Riconosciamo il territorio dell'antica Roma nostra patria culturale e religiosa, e dichiariamo diritti storici su tutti i siti ed i territori che sono stati sotto il diretto controllo o l'amministrazione dell'antica Repubblica Romana e dell'Impero tra gli anni 753 a.C. e 395 d.C..

Riconosciamo l'esistenza delle moderne realtà politiche, che ci rendono di fatto impossibile la restaurazione di tali territori antichi. Pertanto noi limitiamo il nostro diritto territoriale attivo ad un'estensione di terreno almeno pari a quello correntemente detenuto dallo Stato sovrano di Città del Vaticano; 108 acri contigui. Su questo terreno, una capitale mondiale per l'amministrazione della nostra cutlura sarà fondata sotto forma del Foro Romano. Il sito esatto per questa capitale legale e spirituale nova romana è da determinarsi.

Inoltre, affinchè la nostra presenza nel mondo sia stabilita, Nova Roma dichiara che il nostro territorio fisico sia esistente e manifesto attraverso i luoghi che le nostre organizzazioni di Stato, civiche e religiose possano possedere, occupare e mantenere fisicamente nel mondo intero. Questi territori esisteranno in uno stato di doppia sovranità, essendo contemporaneamente sotto l'amministrazione culturale e spirituale di Nova Roma e sotto il dominio e le leggi civiche delle Nazioni ospitanti. Il nostro scopo è incarnare un'influenza culturale e spirituale benigna e benefica in tutte le società purtuttavia restando politicamente neutrali e sempre rispettosi delle leggi.

Nova Roma dichiara altresì la doppia sovranità temporanea in tutti gli altri siti dove gli dei e le dee dell'antica Roma saranno adorati dai nostri cittadini, allo scopo di preservare la nostra unità culturale e spirituale. Questa doppia sovranità sarà amministrata direttamente dal Popolo e durerà solo per il tempo necessario alle cerimonie ed ai riti religiosi. Pertanto potremo rimanere un'unica cultura ed un'unica nazione, pur esistendo in vari altri Paesi del mondo.

La cittadinanza nova romana è aperta a persone di tutte le nazionalità e razze. Lo scopo esplicito della nostra nazione è quello di promuovere la comprensione e la cooperazione internazionale attraverso la preservazione delle nostre fondamenta classiche comuni, e dare nuova vita e nuovo onore a tutta la Civiltà Occidentale attraverso la restaurazione dell'antica Pietà, Virtù e Civiltà.

Noi, i cittadini ed il Senato di Nuova Roma, con la presente rinunciamo formalmente, in eterno e senza eccezione, all'uso della forza, della ribellione, della coercizione e dell'intimidazione allo scopo di ottenere il nostro status ed i nostri diritti internazionali. Ci sforziamo di esistere come nazione legittima, pacifica e benigna, d'accordo con i principi riconosciuti e condivisi dalla comunità mondiale.

Firmato in data odierna per conto del Senato e del Popolo Nuovo Romano:

prid. Kal. Mar. , Fl. Vedio M. Cassio cos. MMDCCLI a.u.c.

Flavius Vedius Germanicus, Consul

Marcus Cassius Iulianus, Consul

Personal tools